donato santimone
Eboli, il centrosinistra candida Donato Santimone
23 Giugno 2020
tamponi pontecagnano faiano capaccio coronavirus medico campania esami maturità screening positivo
Campania, dieci nuovi positivi al Coronavirus
23 Giugno 2020

Ripartiamo dall’Italia: il trend dell’estate 2020 è fare le vacanze in Italia

vacanze italia

Gli operatori del turismo in Italia, che sono circa 80.000, parlano chiaro per il trend dell’estate 2020: le vacanze degli italiani si faranno a casa nostra, e infatti si sono fatti promotori del Manifesto per il Turismo Italiano, con hashtag #ripartiamodallitalia.

Vacanze italiane, dunque, alla scoperta dei luoghi e dei territori nostrani: quest’anno vanno di moda i viaggi di gruppo e si può scegliere tra tante varianti. Per esempio tra uno dei viaggi di gruppo organizzati in Italia da Tramundi.

Tour operator per scoprire i luoghi più magici della nostra Penisola: la Sardegna, la Puglia con il suo Salento – i Caraibi d’Italia – la Toscana e le Cinque Terre, il Lago di Como in Lombardia, la Sicilia, le isole del Golfo di Napoli, il Trentino-Alto Adige con le sue Dolomiti, le isole Egadi, la Via degli Dei che collega Bologna a Firenze attraverso l’Appennino Tosco-Emiliano e tantissimi altri tour, perfetti per rigenerarsi nel corpo e nello spirito dopo mesi di immobilità forzata.

Perché, alla fine, ce l’abbiamo proprio in Italia il patrimonio artistico più ricco del mondo, con il maggior numero di siti diventati patrimonio UNESCO: l’Italia è uno dei paesi europei più ricchi di biodiversità, sia vegetale sia animale, con ognuna delle 20 regioni ricca di storia, arte ed enogastronomia. L’unica cosa da fare è scegliere uno dei viaggi di gruppo organizzati nel nostro Belpaese.

Per gli amanti del mare la scelta è vasta: il tour nelle isole Eolie consente di esplorare le isole vulcaniche in motonave, tra bagni rigeneranti, tintarella, piccoli borghi incantati e camminate sul vulcano.

Oppure il tour della Costiera Amalfitana, che unisce alle meraviglie del paesaggio, tra giardini e fontane, affreschi e mosaici, l’autenticità della Napoli popolare.

O ancora il tour in Sardegna, con un’immersione nei paesaggi e nella cultura della terra dei 4 Mori, o quello in Salento, per tuffarsi nel mare che dai media è definito “i Caraibi d’Italia”, nel cuore della macchia mediterranea e nella cultura culinaria salentina.

Ma la scelta non finisce qui: si può scegliere il tour delle isole nel Golfo di Napoli, un’esplorazione tra le bellezze infinite di Ischia, Procida e Capri, per godere dei paesaggi, del mare e della cucina tipica in tutto relax.

Per chi ama la montagna, invece, si può optare per il tour sulle Dolomiti del Brenta: un viaggio che ripercorre la storica Via delle Bocchette, uno dei percorsi più panoramici e mozzafiato della nostra penisola, che non solo è una meraviglia per gli occhi, ma anche per rigenerare sé stessi fisicamente e psicologicamente.

E poi ancora il tour alla scoperta delle Marche, una regione dal patrimonio artistico, culturale e naturale infinito, proprio come narrava Leopardi. Il tour nell’Umbria Medievale, dove si coniugano arte, natura e spiritualità.

Un paesaggio e dei percorsi che trasportano letteralmente in un’altra epoca: attraverso i borghi antichi, gli affreschi, i luoghi di San Francesco, il genio creativo di Giotto. Il tour alla scoperta di Matera e dei trulli pugliesi, con percorsi che si snodano tra Matera e il Salento. L’avventura sul Lago di Como, in Lombardia, tra trekking, canyoning, arrampicate sportive.

Il tour della Sicilia intera, dall’Etna alla via del Sale, negli scenari di Montalbano e nelle città d’arte per degustare i piatti tipici siciliani. Il tour per scoprire la Toscana autentica, con un ricco patrimonio paesaggistico, culturale ed enogastronomico.  

Insomma, viaggiare in Italia per l’estate 2020 è la scelta ideale: paesaggi inaspettati, boschi e architetture perfettamente incastonate nella natura, mari cristallini e fortezze imponenti che guardano l’orizzonte, grotte che nell’antichità erano abitate e gioielli d’arte barocca, resti di civiltà sepolte e suoni di dialetti locali, vigne e vini, specialità culinarie e chi più ne ha più ne metta.