BELLIZZI, LUOGHI DELLA MEMORIA
17 Aprile 2018
INCIDENTE A NOCERA SUPERIORE, LE CONDIZIONI DEI SOPRAVVISSUTI
18 Aprile 2018

La crisi dell’ex Stir in via Bosco II coinvolge in maniera diretta la società provinciale EcoAmbiente Salerno, affidataria dell’impianto di trattamento meccanico biologico. Il liquidatore Vincenzo Petrosino ha dichiarato: “I comuni devono rendersi conto che EcoAmbiente Salerno è pubblica per garantire il servizio, la società deve essere pagata, perché non è un bancomat. Il problema è stato rappresentato sia al presidente della Provincia sia al vicepresidente della Regione”. A farne le spese non sono solo i cittadini dei comuni della provincia ma anche i lavoratori di EcoAmbiente Salerno. Oggi, infatti, il Consiglio provinciale prenderà atto della messa in liquidazione della società alla presenza di sindacati e maestranze, dopo la proclamazione dello stato d’agitazione e il tavolo di raffreddamento in Prefettura. Non vi sarebbero rassicurazioni sui livelli occupazionali, l’ipotesi di licenziamento è altamente probabile. Il comitato “Battipaglia dice NO” ha espresso piena solidarietà ai lavoratori di EcoAmbiente.

TECNOSCUOLAofficina di Paestum