Coronavirus un morto: aumento dei casi in Provincia
23 Luglio 2020
Salerno presentato Stefano Caldoro, candidato Presidente Regione
23 Luglio 2020

Piana del sele, scippo e rapina indagano i carabinieri

Due episodi delinquenziali si sono registrati nella scorsa giornata. Uno scippo ad Eboli ed una rapina a Capaccio Paestum. È stato scippato dell’incasso di giornata del
suo distributore di carburanti un imprenditore ebolitano. Pare che due malviventi, a volto coperto ed a bordo di una moto di grossa cilindrata, avrebbero seguito e sorpreso
l’imprenditore ebolitano davanti ad un bancomat di viale Amendola, dove l’uomo si sarebbe recato per effettuare un versamento. I due, avrebbero preteso la consegna dei circa
10mila euro, per poi fuggire. Sull’episodio indagano, dopo la denuncia dell’uomo, i carabinieri della locale Compagnia, agliordini del capitano Luca Geminale.

Non si escludono risvolti nelle prossime ore. Ieri pomeriggio una rapina ai danni della vicedirettrice delle Poste di Capaccio Scalo. L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio sul litorale,all’incrocio tra via Laura Mare e via Poseidonia, dove la donna risiede con la famiglia.

La 66enne da una prima ricostruizione era salita a bordo della propria auto per tornare all’ufficio postale, quando all’improvviso è stata avvicinata da una macchina dalla quale
è sceso rapidamente il delinquente che sembra aver bloccato la donna con una mano stringendola alla gola per afferrare la borsa sul sedile e darsi alla fuga con un complice,
entrambi a volto scoperto ma non armati. Oltre a documenti, cellulare, occhiali e circa 100 euro in contanti contenuti nella borsa, i ladri hanno prelevato anche 500 euro da una
carta di credito presso un bancomat in località Santa Cecilia di Eboli. La donna è dovuta ricorrere all’aiuto dei sanitari di un’ambulanza del 118 per riprendersi dal grande spavento.

Sul posto sono giunti tempestivamente i carabinieri della Stazione di Capaccio Scalo, diretti dal maresciallo Giuseppe D’Agostino, che hanno avviato le indagini del caso per cercare
di risalire agli autori della rapina.

officina di PaestumTECNOSCUOLA