Pontecagnano, quarto appuntamento con Musee Eclate
28 Febbraio 2019
Battipaglia, mensa e trasporto scolastico: arrivano gli aumenti
1 Marzo 2019

Volpe rossa investita salvata dai carabinieri

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Buccino hanno rinvenuto e recuperato una volpe ferita che si trovava a lato della carreggiata della Sp 36b nei pressi di Palomonte.

Dopo le segnalazioni di numerosi cittadini, i militari si sono recati sul posto individuando l’animale, un esemplare di Volpe Rossa che si spostava con evidenti difficoltà motorie trascinando gli arti posteriori e facendo forza solo su quelli anteriori. Messo in sicurezza il tratto di strada, al fine di impedire che la Volpe venisse investita o cagionasse incidenti, i militari hanno allertato il servizio veterinario dell’Asl e, adottando le cautele del caso, hanno recuperato l’animale ferito e quindi trasportato rapidamente presso l’Asl di Buccino dove il servizio veterinario aveva nel frattempo organizzato una staffetta per ricoverare l’animale presso un Centro di Recupero Animali Selvatici a Napoli.

La Volpe ha riportato un trauma al bacino verosimilmente a seguito dell’investimento di un veicolo non identificato nel tentativo di attraversare la strada.

I Carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretta dal Capitano Francesco Manna, hanno dato esecuzione alla misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di un 36enne polacco dimorante a Laureana Cilento, già sottoposto alla misura del divieto di dimora. Lo straniero, lo scorso 17 febbraio era stato tratto in arresto dai Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Castellabate per il reato di furto aggravato e, una volta sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora, è stato dai militari della Stazione di Torchiara nel corso di un’attività di controllo del territorio, fuori dalla propria abitazione in orario notturno, in violazione quindi delle prescrizioni precedentemente imposte dal Gip del Tribunale di Vallo della Lucania. L’Autorità Giudiziaria, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha deciso per l’inasprimento della misura cautelare in atto fino a quel momento, disponendo la custodia in carcere dell’uomo.

TECNOSCUOLAofficina di Paestum