Home Politica Battipaglia: interrogazione sui beni confiscati

Battipaglia: interrogazione sui beni confiscati

87
0
comune Battipaglia foto avanti Battipaglia
botteghe d'autore

Continua il lavoro attento di una laboriosa opposizione che mira alla salvaguardia di valori come la legalità e la trasparenza. Questa volta gli otto consiglieri di opposizione Antonio Visconti, Domenico Zottoli, Luigi D’Acampora, Alessio Cairone, Giuseppe Provenza, Giuseppe Cuozzo, Gaetano Marino ed Azzurra Immediata, hanno acceso i riflettori sulla tematica dei beni confiscati presentando un’interrogazione scritta e chiedendo alla sindaca Cecilia Francese, nella quale viene chiesto:” l’amministrazione ha attivato controlli sulle concessioni sottoscritte, sulla destinazione dei beni confiscati. Sul se sono state ultimate le procedure rimaste in sospeso alcune oggetto di finanziamenti”. Ed ancora se hanno deciso di “partecipare ad un bando per la riqualificazione dei beni confiscati già oggetto di abusi edilizi in scadenza a gennaio 2022”. Altra domanda è capire se c’è: “l’intenzione di coinvolgere le associazioni sul territorio e destinare alcuni terreni per lo stallo degli animali abbandonati”. Sono state verificate ipotesi di revoca di alcune concessioni, con “conseguente restituzione del bene al comune.
Ci sono sue eventuali inadempienze rispetto alla realizzazione di attività di sua competenza necessarie ad avviare le progettualità di cui alle convenzioni sottoscritte”. Poi sollecitano: “ad oggi, l’amministrazione ha avviato la procedura di partecipazione all’avviso pubblico avente ad oggetto la “Valorizzazione dei beni confiscati alle mafie finanziato dall’Unione Europea”. Ed infine interrogano per sapere:”successivamente all’aggiudicazione definitiva, è stata redatta determina di presa d’atto dell’affidamento stesso, relativa al progetto denominato “Il tempo supplementare”, Pon Legalità 2014-2020, finanziato dal Ministero dell’Interno per Euro 1.431.012,81, (con Decreto n. 3021 dell’11.05.2018) a distanza di più di tre anni, si sia conclusa, atteso che per la natura di questo finanziamento, i tempi da rispettare sono stringenti, pena la revoca del finanziamento stesso; se si è provveduto alla nomina di un Rup, se si è costituito lo staff per la direzione dei lavori; se, è stato predisposto un programma dettagliato con indicazione della durata dei lavori e dei costi totali; se sono iniziati i lavori”.