Home Attualità Ex Stir Battipaglia, nuovo cda Ecoambiente: è polemica

Ex Stir Battipaglia, nuovo cda Ecoambiente: è polemica

81
0
impianto compostaggio battipaglia stir. Nuovo Cda Ecoambiente: è polemica. Adeguamento ex stir
Eliano Servizi Immobiliari

Nuovo cda per Ecoambiente, società che gestisce l’ex Stir di Battipaglia. Nominato presidente il commercialista Vincenzo Petrosino, già commissario liquidatore e candidato alle Regionali nella lista del Pd.
A chiudere la triade del Cda, selezionata dall’assemblea dei soci, Andrea Lembo, candidato sindaco sconfitto alle ultime elezioni comunali di Campagna, e Giusy Fiore altra democrat di stretta osservanza, consigliera comunale a Pagani. Inevitabili le polemiche legate all’assenza di un battipagliese all’interno del Cda, vista la centralità dell’ex Stir nella mappa del ciclo rifiuti provinciale.
Duro il commento del coordinatore di Italia Viva Battipaglia, Vincenzo Inverso: “Se il Pd salernitano – afferma – intende fare le proprie scelte sul Territorio di Battipaglia, calando dall’alto nomi e decisioni, senza confrontarsi e coinvolgere nessuno, non c’è spirito di coalizione che regga. E noi non glielo consentiremo a nessun livello di partecipazione. Battipaglia merita prima di ogni altra cosa, considerazione, tutela e rispetto”.
Critico anche il capogruppo di Forza Italia e consigliere provinciale, Valerio Longo: “Nomine che non tengono minimamente conto che l’unico sito per i rifiuti indifferenziati dei 158 comuni della provincia di Salerno ha sede proprio a Battipaglia. La sindaca batta un colpo. Cosa ha da dire, rispetto a questo ennesimo schiaffo alla nostra città? Per l’ennesima volta ci hanno tenuto fuori dalle scelte che contano o ha concordato queste nomine? Nomine che non tengono minimamente conto che l’unico sito per i rifiuti indifferenziati dei 158 comuni della provincia di Salerno ha sede proprio a Battipaglia. Eppure ti sei spesa alle provinciali e alle regionali per supportare il grande De Luca. Allora delle due l’una: o non ti fanno contare nulla o sei complice delle scelte politiche operate dal governatore sulla pelle della comunità locale”.