Home Cronaca Olevano sul Tusciano: maltrattamento di animali, denunce per macellazione abusiva

Olevano sul Tusciano: maltrattamento di animali, denunce per macellazione abusiva

133
0

Maltrattamento di animali – Denunce per macellazione abusiva.
Provincia di Salerno – I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Acerno a seguito di
segnalazione relativa al maltrattamento di animali si sono portati presso un allevamento ovino
nel comune di Olevano sul Tusciano.
Il controllo effettuato congiuntamente ai militari della Stazione Carabinieri di Olevano sul
Tusciano ed al personale veterinario dell’ASL di Battipaglia, ha fatto emergere uno scenario
singolare: nell’allevamento erano presenti alcune carcasse di agnello sgozzate ed altri
esemplari legati e segnati con il colore rosso verosimilmente destinati allo stesso scopo.
Presenti anche i titolari dell’allevamento e un significativo numero di stranieri di nazionalità
marocchina.
Gli accertamenti condotti dai militari e dai veterinari hanno fatto emergere la circostanza che
gli agnelli erano stati macellati in ossequio a tradizioni religiose che prevedono, oltre alle
preghiere, il sacrificio di un animale (ovino, caprino, bovino o camelide) adulto. Inoltre,
buona parte degli animali presenti in allevamento non risultava provvista di marchio
auricolare e dunque irregolarmente tenuti.
All’esito dei controlli i militari hanno provveduto a liberare gli agnelli tenuti legati e ad
avviare a smaltimento le carcasse, tutti gli ovini sono stati sottoposti a sequestro sanitario con
prescrizioni per regolarizzare la registrazione e tenuta dei capi ed i responsabili sono stati
deferiti all’Autorità Giudiziaria per uccisone e maltrattamento di animali e macellazione
abusiva.
Analogo controllo hanno condotto a Sarno presso una privata abitazione i militari della
Stazione Carabinieri Forestale di Sarno che, attivati anche in questo caso da segnalazione di
maltrattamento animali, hanno trovato presso abitazioni private alcuni agnelli uccisi nelle
stesse modalità, in ossequio alle medesime tradizioni religiose e privi di alcun documento di
tracciabilità.
comunicato stampa