Home Politica Stop al predissesto, i giudici liberano Battipaglia

Stop al predissesto, i giudici liberano Battipaglia

75
0
battipaglia contenziosi amministrativi
botteghe d'autore

La sindaca di Battipaglia Cecilia Francese annuncia un successo storico, ossia aver ripianato debiti per venti milioni di euro in sette anni e mezzo.Era il giugno 2014 quando i commissari straordinari ottennero dalla Corte dei Conti il via libera al piano di riequilibri che scongiurò il dissesto e spalmò su 10 anni un debito da oltre 20 milioni di euro. Adesso tutto è rientrato. La conferma arriva dai magistrati della sezione di controllo che hanno dichiarato la cessazione del riequilibrio. Quindi Battipaglia è uscita dal piano di riequilibrio finanziario pluriennale ed è fuori dal predissesto. La notizia attesa da più di un lustro è arrivata ieri mattina, quando nelle stanze della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti campana è arrivata la sindaca Cecilia Francese con il dirigente del Settore finanziario, Giuseppe Ragone, ed hanno avuto la conferma dagli atti dei giudici napoletani di via Acton, guidati dalla presidente Maria Paola Marcia. La cessazione del riequilibrio è definitiva, ma sono diverse le raccomandazioni della Corte dei Conti: innanzitutto sulla vendita degli immobili. Altra richiesta è di continuare sulla stessa linea, anche con “Alba”, ossia di vendere i beni ed altri dettagli che verranno illustrati in conferenza stampa domani con il vice sindaco ed assessore al bilancio, Gabriella Catarozzo. E poi Battipaglia è fuori dal predissesto, ma per quel che riguarda le spese future l’ente dovra stare attento e spendere poco. Sul piatto, d’ altronde, ci sono ancora i 31 milioni di euro arrivati dalla Presidenza del Consiglio dei ministri.