Home Attualità Battipaglia, suolo pubblico: sgravi del 50%

Battipaglia, suolo pubblico: sgravi del 50%

77
0

Sgravi a Battipaglia per l’occupazione del suolo pubblico, sedie e tavolini, avranno sconti sul canone.

Lo stato di emergenza per il Covid-19 è cessato ma il Comune sburocratizza le occupazioni di suolo pubblico con lo sgravio del 50 per cento.

I ristoratori battipagliesi potranno seguitare ad occupare il suolo pubblico beneficiando di un canone calmierato. Decisione maturata dall’ amministrazione comunale con la Prima commissione permanente che si occupa dei Lavori pubblici, presieduta dal consigliere di maggioranza Gianluigi Farina di Etica, alle quali l’ assessore al Commercio, Egidio Mirra, ha sottoposto il regolamento di disciplina transitoria per l’ occupazione temporanea di suolo pubblico.

Provvedimenti volti a favorire la ripresa post- pandemica delle imprese di pubblico esercizio. Nel corso della seduta, i consiglieri hanno colmato la casella rimasta vuota in calce all’ articolo 7, quello che regolamenta il canone, anteponendo un “50” al simbolo matematico che indica la percentuale di riduzione sul vigente canone unico.

Dimezzato con una norma retroattiva, ché il disciplinare – che una delibera approvata dal Consiglio comunale renderà esecutivo al termine della riunione del consiglio di lunedì prossimo – ad ora è valido fino al 30 settembre ma dovrebbe essere prorogato almeno fino a fine anno.

La liberalizzazione nazionale sull’occupazione del suolo pubblico a beneficio degli imprenditori che gravitano intorno alla ristorazione, è stato uno dei lasciti dello stato d’ emergenza figlio del proliferare del Covid, prorogato periodicamente fino allo scorso primo aprile 2022.Ma diversi comuni, però, hanno deciso di continuare ad agevolare il mondo della ristorazione, a maggior ragione in virtù della guerra.

I paletti sono sempre gli stessi, sui marciapiedi va lasciato un percorso pedonale largo due metri, nelle aree pedonali un viatico di tre per i mezzi di soccorso, d’ emergenza e di polizia. Una misura su cui oltre all’assessore Egidio Mirra ha lavorato anche la collega al Bilancio, la vicesindaca Gabriella Catarozzo.