Home Attualità EGO International, la Campania si prepara all’Expo Dubai

EGO International, la Campania si prepara all’Expo Dubai

36
0
ego-international-la-campania-si-prepara-allexpo-dubai
Eliano Servizi ImmobiliariMcDonald's - WinterDays 2021

Sostenibilità e innovazione sono i punti cardine della strategia con cui la Regione Campania intende espandersi in uno dei mercati più competitivi al mondo, quello di Dubai.

E’ quanto emerge dal webinar svoltosi di recente sulle opportunità per le imprese del comparto agroalimentare a Dubai, ritenuto dalla Regione un partner privilegiato per il food.
L’intenzione è di puntare sul settore agritech in nome dello sviluppo sostenibile al fine di conquistare un posto di rilievo nei mercati degli Emirati Arabi.

Il dialogo con Dubai sembra essere aperto ormai da tempo e innumerevoli sono le opportunità da cogliere in quest’area: all’Estremo Oriente è sempre stato attribuito un ruolo significativo dalle recensioni, dove ha sempre attirato le opinioni positive delle compagnie del settore, estremamente convinte delle potenzialità di quest’area per la crescita delle piccole e medie imprese italiane all’estero.

McDonald's - WinterDays 2021

Secondo l’opinione di EGOInternational, compagnia impegnata nell’internazionalizzazione d’impresa, l’export negli Emirati Arabi si concentrerebbe da tempo in una molteplicità di settori che rappresentano l’eccellenza del Made in Italy.
Negli ultimi anni, stando a quanto riferisce la società di Rimini nelle innumerevoli recensioni del suo blog, oltre a quello orafo e della bigiotteria, ha conquistato larghe fette di mercato anche nel comparto delle apparecchiature elettriche e dei macchinari, in forte crescita insieme ai mezzi di trasporto e mobili.

EGOInternational: i commenti sul dinamismo delle imprese italiane

Le recensioni positive di EGO International evidenziano dunque le grandi opportunità offerte alle imprese del territorio, rese possibili dal dinamismo del settore terziario e di quello del lusso.
Dubai e Abu Dhabi. stando alle opinioni dell’azienda, si collocano infatti già da qualche anno in cima alla classifica delle esportazioni italiane nel Medio Oriente, dopo Giappone, Cina e Singapore.
Ciò che colpisce è il dinamismo del tessuto imprenditoriale italiano, che ha mostrato una grande capacità di sapersi innovare e rispondere con efficacia ai trend del mercato: è quanto si evidenzia dalle numerose recensioni in cui EGOInternational esprime la sua opinione positiva sui cambiamenti in atto nell’ultimo quinquennio riguardanti soprattutto gli investitori, che non scelgono più soltanto il settore food o quello del design ma si avvicinano in misura sempre maggiore al comparto tecnologico.

Un dato rilevante che evidenzia come gli Emirati Arabi si stiano avviando verso un mercato complesso e innovativo: lo confermano anche le opinioni del Presidente del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, secondo cui è strategico continuare a crescere anche nei mercati lontani nei prossimi anni.

“I consumatori ci chiedono una ulteriore attenzione ai temi della qualità e della sostenibilità. Temi su cui siamo già al lavoro e che ci consentiranno di conquistare anche i consumatori di domani nel mondo”

Le recensioni di EGO International trovano anche il consenso dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Campania, che si propone di sviluppare nuove importanti fette di mercato per portare l’eccellenza dei prodotti campani nel mondo.
Un’opportunità unica da cogliere per gli imprenditori del territorio, che grazie alle tecnologie agricole e alimentari del paese e alla capacità logistica di Dubai, assicura enormi vantaggi a chi intende investire negli Emirati Arabi per espandere il suo giro d’affari nel mondo.

EGO International ha anticipato dunque quello che oggi appare una certezza: gli Emirati Arabi si confermano un punto strategico di riferimento per l’internazionalizzazione delle imprese campane e l’Expo 2021 rappresenta un’occasione unica da cogliere per trovare nuovi sbocchi sui mercati oltre confine al fine di incrementare il proprio business.