Home Cronaca Sala Consilina, sequestrati 100 mila euro

Sala Consilina, sequestrati 100 mila euro

93
0

A Sala Consilina la guardia di finanza di Salerno ha sequestrato qausi 100 mila euro nascosti in una macchina, denunciato un 28 enne per ricettazione.

GdF Salerno sequestrati quasi 100.000 euro in contanti, scoperti in un doppiofondo
ricavato all’interno del bracciolo di un’auto. Denunciato un 28enne della provincia di
Vibo Valentia.

Nei giorni scorsi, nel corso di un normale servizio di controllo economico del territorio, la
Guardia di Finanza di Salerno ha fermato, nei pressi dello svincolo autostradale dell’A/2 di
Sala Consilina, un ragazzo che trasportava, a bordo della sua autovettura, denaro
contante per circa 100.000 euro.

All’atto dell’ispezione, il 28enne, originario della provincia di Vibo Valentia, aveva subito
manifestato evidenti segni di nervosismo e di insofferenza, imbattendosi anche in diverse
contraddizioni nelle risposte fornite alle domande degli operanti, tali da indurre questi ultimi
a sospettare che all’interno del veicolo potesse nascondere merce di natura illecita.

Sul posto è quindi prontamente intervenuto il servizio cinofilo del Gruppo di Salerno, con il
cane Isafa che, benché attratto anche da altre parti della vettura (indizio del fatto che, almeno
di recente, la stessa possa essere stata verosimilmente impiegata per il trasporto di sostanze
stupefacenti), ha portato i militari a rinvenire un doppiofondo creato ad hoc sotto il bracciolo
centrale, apribile tramite il pulsante del ricircolo dell’aria.

All’interno, sono state così scovate numerose mazzette di banconote di vario taglio, avvolte
con della pellicola trasparente.

Non essendo stato in grado di fornire alcuna giustificazione sulla relativa provenienza ed
essendosi dichiarato completamente ignaro addirittura della presenza di quell’intercapedine,
le Fiamme Gialle della Tenenza di Sala Consilina, dopo aver provveduto al sequestro della
valuta, quantificata in circa 100.000 euro, hanno denunciato il conducente alla Procura
della Repubblica per il reato di ricettazione.

Comunicato Stampa