Turismo, Grant (Lega):ministro Gravaglia a Sorrento e’ un segnale importante per i nostri territori
3 Marzo 2021
circolo ricreativo chiuso carabinieri litorale pontecagnano faiano giffoni eboli
Pontecagnano, rapina al dispensario farmaceutico sul litorale
3 Marzo 2021

Comitato Battipaglia Città del Sele: vuota protesta della sindaca davanti ospedale

SULLA VUOTA PROTESTA DELLA SINDACA DAVANTI ALL’OSPEDALE DI BATTIPAGLIA
È incomprensibile che la Sindaca si incateni, per protesta, davanti all’Ospedale,
dopo avere omesso quanto di sua competenza nella gestione ordinaria e dopo
avere ignorato la nostra proposta per la costituzione degli Ospedali Riuniti della
Valle del Sele, in cui Battipaglia avrebbe avuto un ruolo centrale.
Farebbe bene, in particolare, anziché assumere il ruolo di capopopolo di
opposizione a fini elettorali, a spiegare perché, come massima autorità sanitaria
cittadina, non si sia preoccupata almeno di promuovere il progetto di
ristrutturazione dell’Ospedale, da tempo programmato e giacente in Regione,
che è assolutamente necessario. Forse ignora che quello di Battipaglia è uno degli
ospedali della Campania che è a rischio sismico e va adeguato.
Farebbe bene, inoltre, a spiegare quali benefici sono derivati a Battipaglia dalla
sua sostanziale sintonia con l’amministrazione Regionale contro la quale ora
protesta: vedi il sostegno ai candidati per la giunta provinciale e alle elezioni
regionali e la nomina di un vice sindaco, tutti “deluchiani”.
I conti, quindi, non tornano nel merito e neppure su quello politico.
La Sindaca ha messo in atto, due anni fa, la stessa sceneggiata davanti all’impianto
dei rifiuti con i risultati che conosciamo: totale disprezzo dell’ambiente,
inquinamento, puzze e commercio di rifiuti, salvo poi ad avversare anche una
raccolta popolare di firme per richiedere al Governo nazionale il
commissariamento del settore.
La città di Battipaglia è una città importante e centrale nella Piana del Sele e merita
rispetto non “ammuina”, anche in ricordo delle sue vittoriose lotte degli anni
sessanta – ottanta.
Dopo avere malgovernato venendo meno a tutte le promesse, e cambiando
continuamente alleanze per mantenere la maggioranza, dovrebbe chiedere scusa
alla città e mettersi da parte o avere almeno il buon senso di mettersi in
discussione: non tentare di svilire la campagna elettorale amministrativa con
estremismi e populismi vuoti e di basso profilo, ma partecipare, se ne è capace,
ad un dibattito per un cambiamento di merito, ormai inevitabile oltre che
necessario per fronteggiare la pandemia.
COMITATO BATTIPAGLIA CITTA’DEL SELE
Comunicato Stampa

officina di PaestumTECNOSCUOLA