Home Attualità Eboli, nascono nuovi alloggi Erp

Eboli, nascono nuovi alloggi Erp

201
0

Ad Eboli sull’edilizia popolare, è stata trovata l’intesa,nascono 16 nuovi alloggi.Infatti è stato firmato l’ accordo transattivo che fa ripartire gli interventi del Pruacs, il finanziamento di oltre 9 milioni di euro per ridurre il disagio abitativo delle fasce deboli. Dopo uno stop di tredici anni, la ditta che ha firmato l’ accordo riattiverà il cantiere.

L’ intervento riguarda il completamento della realizzazione di sedici alloggi popolari in piazza Regione Campania. Il cantiere, fermo dal 2018, si concluderà in poco più di un anno. Alla ditta vengono riconosciuti circa 1,4 milioni di euro per ultimare l’ opera con la realizzazione di tutti gli impianti, le finiture e le sistemazioni esterne.

Aggiudicati anche i lavori per la realizzazione di un secondo intervento del Pruacs che riguarda l’ abbattimento e la ricostruzione della casa cantoniera sita lungo la strada statale 19. Anche qui si prevede la realizzazione di ulteriori sei alloggi con cantine pertinenziali, locali polifunzionali da destinare a servizi sociali, 9 stalli di parcheggio e la sistemazione delle aree esterne a ridosso della scuola Agatino Aria. Il cantiere durerà 15 mesi ma prima bisogna verificare i requisiti della ditta aggiudicataria per poi arrivare alla firma del contratto per partire con i lavori.

L’assessore ai lavori pubblici Salvatore Marisei ha ringraziato: ” tutto il personale del settore Urbanistica, Lavori Pubblici e all’Avvocatura dell’Ente”. Ed annuncia: ” Siamo già al lavoro per risolvere altre criticità della nostra città ed avviare le opere programmate nel Piano triennale che cambieranno il volto di Eboli. Confidiamo,a breve, in altre positive notizie e lavoriamo sodo senza farci distrarre da pretestuose polemiche”.

Soddisfatto anche il sindaco Mario Conte: “Ripartono importanti cantieri e, con loro, l’ indotto economico che avvantaggia gli operatori cittadini. A chi, in mala fede, descrive una Eboli sofferente e abbandonata rispondiamo con i fatti”.