Home Attualità ECOBALLE, BATTIPAGLIA SFIDA LA PROVINCIA. CIRIELLI ANNUNCIA UN’INTERROGAZIONE

ECOBALLE, BATTIPAGLIA SFIDA LA PROVINCIA. CIRIELLI ANNUNCIA UN’INTERROGAZIONE

21
0
Eliano Servizi ImmobiliariMcDonald's - WinterDays 2021

Le ecoballe che fino al 4 settembre saranno stoccate nello Stir di Battipaglia sono diventate un caso politico. Già nelle scorse settimane era stato evidente il completo disinteresse delle istituzioni sovracomunali nei confronti degli allarmi ambientali evidenziati dall’amministrazione battipagliese. La scelta di Giuseppe Canfora di lasciare nello stabilimento di tritovagliatura ed imballaggio rifiuti cittadino circa 3mila tonnellate di ecoballe, per ovviare ai guasti di Acerra, è stata solo un’ulteriore conferma. Il deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, Edmondo Cirielli, ex presidente della Provincia di Salerno, ha annunciato un’interrogazione al ministro dell’ambiente, per vigilare con attenzione su quanto sta accadendo a Battipaglia. “Chiederò di verificare se sia lecito lo stoccaggio di una quantità così elevata di rifiuti, come stabilito dall’ordinanza del presidente della Provincia di Salerno – ha dichiarato Cirielli – e, in caso contrario, di appurare se non si stia creando una vera e propria discarica abusiva”. Nel frattempo, Canfora ha confermato l’inderogabilità della scelta, giustificandola con l’obiettivo di scongiurare il pericolo ambientale causato dai malfunzionamenti al termovalorizzatore di Acerra. Dopo la delibera della Giunta di Battipaglia, che ha chiesto la revoca dell’ordinanza della Provincia, il presidente ha, infatti, spiegato che “grazie alla collaborazione tra la Provincia di Caserta e quella di Salerno, è stata scongiurata una vera e propria emergenza ambientale, prevedendo lo smaltimento della frazione umida presso la discarica casertana di San Tammaro”. Canfora, però, ha lanciato una stoccata all’amministrazione Francese. “Spero che le motivazioni non siano di colore politico”, ha dichiarato, commentando l’opposizione del Comune battipagliese. “Altro che colorazione politica della nostra posizione – ha replicato Cecilia Francese ieri pomeriggio -. Siamo noi che ci sentiamo abilitati a chiedere se la scelta di stoccare rifiuti nello Stir di Battipaglia non sia essa frutto di una scelta politicamente colorata”, alludendo al mancato stoccaggio a Sardone, frazione della Giffoni Valle Piana del dem Antonio Giuliano.