Home Cronaca Agro Nocerino, truffa ed autoriclaggio

Agro Nocerino, truffa ed autoriclaggio

109
0

Agro nocerino sarnese, truffa ed autoriclaggio per 150 mila euro. Nei giorni scorsi, la Guardia di Finanza di Salerno ha dato esecuzione ad un decreto di sequestra preventivo, emesso dal G.I.P. presso il Tribunale di Nocera Inferiore, nei confronti di 3 persone, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di truffa e di autoriciclaggio.

Le indagini dei militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Salerno hanno preso le mosse da una denuncia presentata, nel dicembre 2020, dal titolare di una farmacia dell’Agro-nocerino sarnese.

In particolare, a seguito della diffusione della pandemia da Covid-19 e dell’introduzione delle conseguenti misure di contenimento del rischio di contagio da parte del Governo, questi aveva contrattato, per il tramite di un intermediario della provincia di Caserta (anch’egli deferito all’ A. G.), 1’acquisto di un ingente quantitativa di mascherine chirurgiche (circa otto milioni) da parte di una societa di Kuala Lumpur (Malesia), a fronte del quale aveva pure versato contestualmente una caparra di 144.000 euro.

A fronte di tale accordo, nonostante le molteplici iniziative adottate per ottenere 1′ adempimento di quanto pattuito, la merce non gli e stata mai recapitata, ne restituito in alcun modo 1′ acconto versato.

Sulla base di quanto ricostruito dalle Fiamme Gialle, a carico degli indagati (1′ amministratore de legato della societa malese, il relativo mandatario e il predetto intermediario ), si prospetterebbe, oltre che 1’ipotesi di truffa in ordine al contesto appena descritto, anche quella di autoriciclaggio, avendo trasferito il denaro illecitamente sottratto
alla vittima sui conti correnti di una societa di capitali del milanese, dai quali le somme venivano poi riacquisite mediante prelievi dallo sportello e/o a mezzo bancomat.

All’ esito dell’ esecuzione del citato provvedimento cautelare, oltre alla notifica dell’ avviso di conclusione delle indagini, e stato sequestrato un immobile ubicato a Pavia (PV), riconducibile ad uno degli indagati, il cui valore complessivo estato stimato in circa 150.000 euro.

Comunicato Stampa