Home Cronaca Capaccio, reati fiscali ed operai fittizi: nei guai imprenditore

Capaccio, reati fiscali ed operai fittizi: nei guai imprenditore

267
0

Capaccio Paestum, reati fiscali ed operai fittizi, nei guai un imprenditore.

Nella mattinata odierna, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Salerno, la Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare interdittiva nei confronti dell’impren-ditore Prearo Rocco, ritenuto responsabile dei reati di omessa presentazione di dichiarazioni fiscali e di emissione di fatture per operazioni inesistenti, nonché dell’assunzione fittizia di manodopera di origine straniera.

Secondo quanto ritenuto dal Giudice per le indagini preliminari, l’indagato, originario di Capaccio Paestum, dopo aver formalmente cessato l’attività economica esercitata, ossia la commercializzazione di motocicli, avrebbe in realtà continuato per circa 4 anni ad emettere con la medesima partita IVA, intestata alla società Mediterranea Moto, false fatture in relazione a provvigioni maturate sulla conclusione di contratti di vendita di autoveicoli, omettendo in ogni caso la presentazione delle relative dichiarazioni fiscali.

Ciò al fine di consentire alle ditte in favore delle quali le fatture venivano emesse di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto, mediante la fittizia contabilizzazione dei costi ed il conseguente abbattimento dei ricavi. Nel complesso, l’imponibile ipotizzato in merito alle false fatturazioni ammonta a circa 1,8 milioni di euro.

Le indagini hanno analizzato anche l’elevato numero di avvicendamenti (assunzioni/licenziamenti) che negli anni dal 2014 al 2020 hanno riguardato un totale di circa 70 dipendenti, perlopiù individui di origine nordafricana, residenti nella Piana del Sele. Si è pertanto ipotizzato che, sfruttando la creazione di false posizioni contributive, il Prearo abbia simulato l’assunzione di 52 lavoratori, con gravi riflessi illegali riconducibili all’indebita percezione dell’indennità di disoccupazione (cd. NASPI) per un danno calcolato di oltre 300mila euro, alla maturazione di periodi contributivi connessi al pensionamento non spettanti ed all’illegittimo ottenimento del rinnovo del permesso di soggiorno per 4 cittadini di nazionalità algerina. Al Prearo è stato notificato il divieto temporaneo di esercitare l’attività imprenditoriale e di ricoprire uffici direttivi di persone giuridiche o imprese.

Nelle province di Salerno e Milano, inoltre, la Guardia di Finanza ha invece effettuato perquisizioni personali e locali, dando esecuzione al decreto di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca di tutti i beni nella disponibilità dell’indagato e della sua società che costituiscono il profitto delle violazioni commesse, per un valore di circa 150mila euro.

Comunicato Stampa