Home Attualità Il sindaco di Salerno: “Sospendere la serie A”

Il sindaco di Salerno: “Sospendere la serie A”

49
0
VINCENZO-NAPOLI-e1581509096214

«Trovo estremamente ragionevole la proposta del neo Presidente della Salernitana Danilo Iervolino di sospendere per qualche turno il campionato di Serie A in attesa di definire un nuovo ed efficace protocollo operativo in relazione all’andamento pandemico».

È quanto afferma il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.

«La situazione che stanno vivendo la Salernitana e tanti club di massima serie è davvero surreale ed antisportiva; innescherà un contenzioso lungo ed estenuante come dimostrano le precedenti esperienze. La sospensione temporanea sarebbe una soluzione di buon senso che tutelerebbe la salute degli atleti, la regolarità della competizione, il diritto degli spettatori ad assistere ad incontri con protagonisti adeguati alla categoria».

Sulla stessa linea anche il sindaco di Baronissi, Gianfranco Valiante: “La salute viene prima del business. Il clima di crescente incertezza e l’aumento esponenziale dei contagi sui territori, impongono un regime di massima attenzione e rigore, a tutti i livelli. La Lega Calcio prenda atto e il Governo intervenga tempestivamente al fine di mettere in campo tutte le azioni possibili tese a tutelare la salute pubblica e mantenere intatta la regolarita’ del campionato. Il torneo di serie A deve essere fermato. Se non si ferma tutto sara’ un campionato completamente irregolare – afferma Valiante – con ripercussioni gravissime sulla salute pubblica, con il virus che corre ancora piu’ veloce laddove vi sono contatti e assembramenti. Le Istituzioni sportive dimostrino buon senso. Di fronte a interessi confliggenti deve prevalere la salute pubblica, prima del business. E’ necessaria un’azione concreta a salvaguardia dei cittadini, dei tesserati e delle societa’ che investono e di responsabilita’ nei confronti del sistema-Paese. I sindaci che quotidianamente sono in prima linea nella lotta al covid e che ogni giorno subiscono l’escalation di numeri e di contagi, sono pronti a fare la propria parte”.