Home Attualità Battipaglia, Alba ricorre ancora a terzi

Battipaglia, Alba ricorre ancora a terzi

310
0

A Battipaglia Alba ricorre ancora affidamenti a terzi. E’ quanto emerge da parte della partecipata Alba a cui l’ amministrazione Francese proroga gli incarichi ogni tre mesi.

Questa volta, l’ opera che ha costretto la municipalizzata a rivolgersi esternamente è stata la tinteggiatura delle scuole comunali. Come d’ abitudine,l’ ente ha disposto la tinteggiatura delle aule delle scuole IPI Stella, J.F. Kennedy, Poliziano, Fiorentino, Aversana, Borsellino, Monsignor Vicinanza e Gatto.

Richiesta che gli uffici hanno girato ad Alba che ha dato disponibilità a farlo salvo poi rivolgersi a terzi, come accade da tempo.

Anche questa volta, infatti, l’ azienda ha dovuto dichiarare l’ impossibilità a eseguire l’ opera: “Il personale, già carente rispetto ai servizi affidati, è privo di figure idonee quali imbianchini – si legge nella determina – ed è impegnato nell’ espletamento di altre attività ordinarie non suscettibili di interruzioni e che pertanto occorre fare affidamento a ditte esterne”.

Per questo, gli uffici della società hanno contattato due aziende, la prima di Solofra e la seconda di Saviano. L’ offerta più vantaggiosa,alla fine, è stata quella proveniente dalla prima società, che ha dichiarato la realizzazione dell’opera per la somma di 17mila euro oltre Iva.

Piccoli importi che si aggiungono a tutte quelle che l’ amministrazione, poco alla volta, sta garantendo.

Negli ultimi anni, infatti, sono stati molteplici gli affidamenti relativi alla manutenzione ordinaria straordinaria che la società si è detta impossibilitata a effettuare dopo averne ricevuto l’ affidamento.

Questo ha fatto la fortuna di diverse società, chiamate a sopperire alle mancanze di personale e professionalità della municipalizzata. Eppure, negli ultimi anni, l’amministrazione guidata dalla prima cittadina, Cecilia Francese aveva aperto un importante confronto con Alba, i suoi vertici e i rappresentanti sindacali al fine di individuare a una soluzione che comportasse un affidamento più duraturo.

Grazie a questo, lo stesso Comune avrebbe potuto affidare i servizi – sia quello di igiene urbana che di manutenzione – per un tempo più lungo, consentendo alla società una programmazione a lungo termine. Tentativi che, come dimostrano le proroghe di servizio, sono evidentemente naufragati, tornando così alla situazione precedente. Si aspetta che presto qualcosa possa cambiare.